Notizie, Salute e Benessere

Riparazione dei tessuti: dagli USA un dispositivo stimola la guarigione.

Riparazione dei tessuti: dagli USA un dispositivo biodegradabile che invia impulsi elettrici e stimola la guarigione. I ricercatori affrontano così una grande sfida della medicina moderna, ovvero riparare nervi danneggiati nella maniera meno invasiva possibile.

USA, gli sforzi combinati di Washington University e Northwestern University danno vita a un dispositivo biodegradabile in grado di velocizzare la rigenerazione dei tessuti. Il dispositivo, una volta impiantato, invia stimoli elettrici ai nervi danneggiati, riparandoli, e si biodegrada in due settimane. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Medicine.

I nervi situati nelle gambe, braccia e busto, possono rigenerarsi con lo stimolo di impulsi elettrici. Al contrario, per i neuroni e nel midollo spinale, ciò non è possibile. Wilson Ray, professore associato di chirurgia neurologica e ortopedica presso la Washington University, ha dichiarato: “La stimolazione elettrica durante gli interventi chirurgici aiuta il recupero dei nervi, ma una volta conclusa l’operazione non si può fare più niente”. Per questo motivo i ricercatori hanno pensato a un dispositivo spesso come un foglio di carta e piccolo come una monetina che si inserisce nella zona danneggiata. Il dispositivo rilascia impulsi elettrici a intervalli di tempo programmati che velocizzano il recupero dei tessuti. Il materiale biodegradabile del dispositivo viene assorbito completamente dal corpo in due settimane.

Questo nuovo approccio potrebbe integrare quello classico composto da terapie farmacologiche per accelerare e migliorare la rigenerazione dei nervi. Attualmente, una limitazione significativa di questa tecnica è che i protocolli esistenti sono limitati all’uso intraoperatorio. In ogni caso la tecnica necessitata di un altro periodo di sperimentazione e studio prima di essere applicata sugli esseri umani. In laboratorio, fino ad ora, i test sono stati effettuati sui topi.

Related Posts