Notizie, Salute e Benessere

Sieropositivi in terapia antivirale non trasmettono l’HIV

Durante la conferenza AIDS 2018 che si tiene ad Amsterdam, sono stati annunciati i risultati dello studio PARTNER 2, che dimostra che un paziente affetto da HIV in terapia antivirale non può trasmettere il virus al partner.

Durante la 22esima conferenza internazionale sull’AIDS che si è tenuta ad Amsterdam dal 23 al 27 luglio 2018, sono stati anticipati i risultati di un lungo studio iniziato nel 2010. Il primo studio denominato PARTNER 1, iniziato appunto nel 2010, è stato seguito dalla seconda fase chiamata PARTNER 2, iniziata nel 2014. Durante la conferenza, in particolare, sono stati annunciati i risultati dello studio PARTNER 2. Entrambi gli studi hanno osservato coppie di uomini gay in cui uno solo dei due è sieropositivo.

Lo studio PARTNER 2 includeva 972 coppie omosessuali, di cui uno dei due era sieropositivo e in fase di trattamento antiretrovirale efficace, mentre l’altro era sieronegativo. Lo studio ha osservato coppie provenienti da 14 diversi paesi, con 635 coppie iscritte alla ricerca PARTNER 2 e altre 337 che avevano partecipato anche allo studio PARTNER 1. I partecipanti hanno periodicamente compilato sondaggi sulla loro vita sessuale, e i ricercatori hanno utilizzato questi dati per elaborare le conclusioni: non si è verificato nessun caso di trasmissione di HIV.

Il dott. Michael Brady, direttore medico presso il Terrence Higgins Trust (organizzazione no profit che fornisce servizi ai pazienti affetti da HIV), ha dichiarato: “Siamo entusiasti del fatto che i risultati di PARTNER2 siano diventati ufficiali, e confermiamo quello che già sapevamo: le persone che vivono con l’HIV in trattamento efficace non possono trasmettere il virus ai loro partner. I due studi (PARTNER1 e PARTNER2) lo dimostrano scientificamente e aiuteranno a combattere lo stigma e i miti che ancora circondano l’HIV. La cosa più importante ora è condividere questo messaggio e istruire le persone nel modo più ampio possibile, per contribuire a migliorare la vita delle persone che in tutto il mondo vivono con l’HIV“.

Related Posts