Notizie, Salute e Benessere

Un neo artificiale per diagnostica tumori

Ricercatori svizzeri hanno inventato un sistema di diagnosi precoce di alcuni tipi di cancro.

Si tratta di un neo artificiale in grado di rilevare le variazioni di calcio nel sangue. Infatti, alti livelli di calcio si possono associare con diversi tipi di cancro e malattie.

I ricercatori del Politecnico generale di Zurigo hanno inventato un neo artificiale composto da cellule geneticamente modificate che cambia colore a seconda dei livelli di calcio presenti nel sangue. Le cellule vengono impiantate sotto pelle, rimanendo invisibili. Quando il neo produce melanina, quindi diventa scuro, è il segno di un elevato contenuto di calcio nel sangue, che potrebbe significare l’insorgenza di un tumore. Questo “tatuaggio” biomedico potrebbe essere utilizzato anche per monitorare in modo non invasivo la risposta al trattamento. Attualmente l’invenzione è stata sperimentata su 4 tipi di cancro: mammella, colo, prostata e polmone. Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Science Translational Medicine.

Giuseppe Curigliano, direttore della Divisione Nuovi Farmaci dell’Istituto Europeo di Oncologia (Ieo), ha dichiarato: “Si tratta di un incredibile passo in avanti. Il sistema si basa sull’impianto sotto cute di cellule umane ingegnerizzate che agiscono come un sensore per monitorare il calcio nel sangue, Se i livelli si mantengono troppo alti nel tempo, dando ipercalcemia, nelle cellule si scatena una cascata di segnali che porta alla produzione di un pigmento naturale, la melanina, che va a disegnare il neo. Potrà essere di grande aiuto per monitorare il calcio in quel 10-15% dei malati di tumore che sviluppa ipercalcemia”. Individuare precocemente la malattia potrebbe aiutare a migliorare la risposta alla malattia.  Curigliano continua: “Questo problema, che può mettere a rischio la vita dei pazienti, è provocato dalle metastasi che demoliscono l’osso liberando calcio nel sangue: grazie al tattoo biomedicale potremmo finalmente riconoscerlo e trattarlo prima che compaiano gravi sintomi some aritmie cardiache, insufficienza renale e coma”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *