Alimentazione, Notizie

Il dolcificante predispone al diabete?

Dolcificante e diabete, una nuova ricerca condotta dalla George Washington University ne chiarisce la connessione.

Gli studiosi hanno analizzato gli effetti del consumo di dolcificante sul metabolismo, scoprendo che potrebbe predisporre le persone al diabete. La ricerca è stata presentata durante la conferenza annuale dell’Endocrine Society a Chicago.

I dolcificanti fanno bene o male? Da tempo diversi studi hanno dimostrato che i dolcificanti possono essere dannosi per l’organismo; chi ne fa consumo abituale infatti è più propenso a sviluppare il diabete di tipo 2. Con questi studio i ricercatori americani hanno confermato la relazione tra consumo di dolcificante e sviluppo di diabete. Dai risultati emerge che il consumo di dolcificanti potrebbe agevolare la disfunzione metabolica predisponendo al diabete. I ricercatori hanno osservato che la probabilità è più alta nelle persone obese.

Nelle persone obese, la presenza di grasso viscerale, colesterolo e trigliceridi alti nel sangue, pressione alta e iperglicemia complicano notevolmente la situazione. Nelle persone grasse, l’uso di dolcificanti ipocalorici, promuove l’accumulo di grasso nelle cellule. Di conseguenza aumenta il rischio di avere una disfunzione metabolica che può provocare malattie cardiovascolari, cerebrovascolari e diabete.

Particolare oggetto della ricerca è stato un dolcificante largamente usato sul mercato, il sucralosio. I ricercatori hanno riprodotto in laboratorio un ambiente che favorisce l’obesità utilizzando cellule staminali prelevate da tessuto grasso umano. In seguito hanno aggiunto una dose di sucralosio simile alle concentrazioni riscontrate nel sangue delle persone che ne consumano alte dosi. I risultati sono stati chiari. I dolcificanti ipocalorici si sono dimostrati più dannosi per le persone obese e in sovrappeso, che hanno minore resistenza all’insulina. Paradossalmente disattendono lo scopo per cui vengono utilizzati. Tuttavia, è chiaro che la quantità di consumo di dolcificante fa la differenza tra arrecare danni o meno all’organismo.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *