Alimentazione, Notizie

Digiunare rigenera il sistema immunitario

Dalla California lo studio che rivela le grandi potenzialità del digiuno. Secondo i ricercatori, qualche giorno di digiuno aiuta il corpo a rigenerare il sistema immunitario apportando grandi benefici all’organismo umano.

Lo studio condotto da ricercatori californiani e pubblicato sulla rivista scientifica Cell Stem Cell apre una nuova frontiera anche nella lotta contro il cancro. Gli scienziati hanno scoperto che lunghi periodi di digiuno proteggono dai danni causati dalla chemioterapia al sistema immunitario stimola le cellule staminali ad attivarsi. Inoltre i cicli di digiuno abbassano notevolmente i livelli di globuli bianchi.

Gli scienziati hanno osservato che il digiuno attiva un meccanismo rigenerativo che porta le cellule staminali a creare nuovi globuli bianchi. Questi sono necessari per ricostruire il sistema immunitario, poiché aiutano le cellule staminali del sistema ematopoietico a rigenerarsi. Questa scoperta si rivela molto importante per i pazienti che hanno il sistema immunitario compromesso o danneggiato a causa di cicli di chemioterapia. Anche per gli anziani è una buona notizia. Per loro infatti diventa difficile combattere anche molte malattie comuni a causa dell’ indebolimento del sistema immunitario dovuta all’età.

Che tipo di digiuno? Ovviamente nulla di estremo. I cicli di digiuno prolungato sono due o quattro giorni alla volta nel corso di sei mesi. Questo periodo di tempo è sufficiente per uccidere le cellule immunitarie vecchie e danneggiate e generarne di nuove.  In questo modo le cellule staminali producono globuli bianchi pronti a difendere il corpo da eventuali infiammazioni.

Perché accade tutto questo? Quando il corpo non riceve cibo per lungo tempo, si innesca un meccanismo di risparmio energetico. Per farlo, il nostro organismo ricicla cellule immunitarie che non sono più utili, come quelle che possono essere danneggiate. In ogni caso, ripresa una alimentazione regolare, le cellule del sangue tornano ai normali livelli.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *