Notizie, Salute e Benessere

Dormire il pomeriggio allunga e migliora la vita

Uno studio racconta i benefici che derivano

dal famoso “pisolino pomeridiano”.

Uno studio presentato alla conferenza annuale dell’European Society of Cardiology racconta i benefici che derivano dal famoso “pisolino pomeridiano”.

Lo studio, condotto da ricercatori greci, racconta che dormire a pomeriggio un’ora o poco più aiuta a mantenere sotto controllo la pressione, tenere più pulite le arterie e il cuore. Oggetto dello studio sono stati 368 pazienti affetti da ipertensione con età media di 61 anni. Secondo le osservazioni, i pazienti che avevano l’abitudine di dormire a pomeriggio, avevano i livelli medi di pressione inferiori del 5% rispetto a chi non riposava.

La piccola percentuale non deve tradire poca utilità. Il Dr. Kallistratos, cardiologo dell’Asklepieion Voula General Hospital di Atene e promotore della ricerca, ha dichiarato: Nonostante sembri poca cosa, anche un modesto abbassamento di soli 2 mmHg in meno di pressione sistolica può ridurre del 10% il rischio di soffrire disturbi cardiovascolari, di andare incontro a infarto o ictus. Nonostante il poeta William Blake fosse convinto che bisognasse pensare al mattino, agire a mezzogiorno, mangiare la sera e dormire la notte, i riposini a metà giornata sembrano avere davvero dei benefici. Due importanti politici britannici erano grandi fan del pisolino. Winston Churchill diceva sempre che bisogna dormire un po’ tra il pranzo e la cena. Mentre Margaret Thatcher non amava essere disturbata intorno alle 3 del pomeriggio. Secondo la nostra ricerca entrambi avevano ragione: il pisolino a metà giornata riesce ad abbassare la pressione, agendo da antipertensivo naturale.”

I risultati confermano dunque abitudini e convinzioni di vecchia data che si sono rivelate esatte. Questa abitudine, come quella di fare sport e avere un’alimentazione equilibrata, rientra nelle piccole azioni quotidiane che migliorano la qualità di vita.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *