Maratone notturne di serie TV? Ecco i rischi che corri…

Serie Tv addicted? Lo studio rivela i danni delle maratone notturne

Il Trono di Spade, Breaking Bad, Narcos, sono solo alcuni dei titoli delle serie più viste negli ultimi anni. Il perfetto equilibrio tra intreccio elaborato, arguta sceneggiatura, approfondimento psicologico dei personaggi e gustosi colpi di scena rendono praticamente impossibile smettere di vedere queste –e molte altre- serie finché non si arriva all’ultima puntata.

Gli amanti delle serie tv sono molti, ed è frequente che qualcuno, scoprendone una nuova, decida di imbarcarsi in una “maratona” per vedere più puntate possibile nel minor tempo. A volte si tratta di maratone notturne, in cui si passa la notte a guardare le puntate di queste serie, una dopo l’altra, fino alla fine, sfociando in un atteggiamento compulsivo.

Uno studio dell’Università di Leuven (Belgio) e dell’Università del Michigan (USA) accerta i danni provocati da questo tipo di comportamento. I ricercatori hanno osservato che guardare compulsivamente serie tv riduce notevolmente la qualità del sonno. Queste maratone televisive, tenendo attivo il cervello molto a lungo, provocano un senso di allerta cognitiva che danneggia il sonno.

I ricercatori chiesto a 423 giovani di età compresa tra 18 e 25 anni (dei quali il 74% erano studenti) di compilare un questionario online sulle loro abitudini legate alla visione di serie Tv. Oltre l’80% dei partecipanti si è identificato come spettatore compulsivo. Di questi, il 20,2%, ha dichiarato di aver fatto una maratona almeno due volte a settimana nel mese precedente.

A livello pratico, le conseguenze di questo comportamento sono stanchezza, sintomi di insonnia, cattiva qualità del sonno e maggior senso di allerta prima di dormire. I serie tv addicted, rispetto a chi guarda con moderazione la tv, ha il 98% di probabilità in più di avere una peggiore qualità del sonno.

I ricercatori consigliano agli amanti delle serie tv di sfruttare tecniche di rilassamento per conciliare il sonno.

Leave a Reply